ECCELLENZE ITALIANE: I DRONI DI LEONARDO


Dal 2009 lo stabilimento Selex ES (oggi Leonardo) di Ronchi dei Legionari (GO) ha prodotto una cinquantina di “Falco”, drone di media altitudine e media autonomia. “Cliente di lancio” e maggiore utilizzatore è stata l’aviazione pakistana, che ha potuto così almeno in parte colmare il gap tecnologico conseguente al rifiuto degli Stati Uniti di vendere i propri sofisticati UAV a Islamabad.
Notizie non controllate riferiscono della caduta accidentale di un Falco nella valle dello Swat, nell’estate 2014.

Grazie a un recente incontro pubblico a Trieste [vedi qui sotto la notizia The Weapon Watch a Trieste del 20 luglio 2020], ci è capitato di leggere l’ottimo documento stampato nel gennaio 2020 da NO-FRONTIERE-FRIULI-VENEZIA-GIULIA. Ne riproduciamo solo una parte, quella dell’intervista a un migrante pakistano, e rimandiamo per il resto al documento completo, molto ricco di spunti e leggibile sul sito https://nofrontierefvg.noblogs.org/files/2020/01/Appunti-sul-nesso-tra-guerra-e-migrazioni-in-Friuli-Venezia-Giulia-leggere-online.pdf. Segnaliamo qui la nostra completa adesione al metodo adottato dagli amici triestini: partire dalle storie personali, verificare i collegamenti ad altre notizie pubblicate sulla stampa e in rete, approfondire la ricerca con i dati ufficiali a disposizione, rilanciare l’iniziativa per accogliere i migranti e respingere i commerci di armi illegali che attraversano il nostro paese. Il nesso tra la storia di un abitante della lontana valle dello Swat – la cosiddetta “area Pashtun” del Pakistan settentrionale – e la vicinissima fabbrica di Ronchi dei Legionari, a 20 km da Gorizia, appartenente al gruppo Leonardo, è iscritto nella storia della guerra “contro i terroristi” afghani, voluta nel 2001 dagli americani, mai vinta e mai finita; e nella geografia della “rotta balcanica”, ultimo segmento di un percorso che per un migrante può durare mesi o anni, attraverso l’Asia sudorientale, il Medioriente, l’Analtolia, la Grecia. La morale di questo racconto, la sua utilità generale sta nel rendere evidente come sia stato possibile “disumanizzare l’umano” qui e altrove, e quali risultati non previsti – o forse solo non dichiarati – possano conseguire le “tecnologie d’eccellenza” e il “lavoro italiano”. (c.t.)

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO


ultimi articoli / in primo piano

Dal 21 dicembre una specie di nuovo mostro navale è attraccato al molo del Tronchetto, a Venezia, quello a cui sostano solitamente le “grandi navi” delle crociere, del tutto assenti in questa stagione morta. Si tratta di una nave...

«The Big Picture» fu una serie molto speciale di documentari televisivi, prodotta dall’Army Pictorial Service del U.S. Army Signal Corps, cioè dai servizi di propaganda dell’esercito americano. I primi tredici episodi furono trasmessi alla fine del 1951 dalla...

Dicembre 2017, un’inchiesta del New York Times rivela che le bombe sganciate dall’Arabia Saudita contro la popolazione civile dello Yemen nel bombardamento dell’ottobre 2016 provengono dalla fabbrica sarda RWM. L’indagine di Madi Ferrucci, Flavia Grossi e...

Come dovrebbe essere noto a tutti i cittadini – compresi quelli direttamente interessati, lavoratori, imprenditori, autorità di polizia e doganali, operatori esteri ecc. – un articolo del Trattato sul commercio delle armi vieta ai paesi firmatari di autorizzare un trasferimento...

Carlo Tombola – Fonte: © Ricerche Coordinamento scientifico OPAL 29 ottobre 2019 Le vendite alla Turchia di armi italiane Negli ultimi mesi la Turchia ha intensificato gli acquisti di armamenti, in modo così consistente da far supporre che i vertici...

Il caso della nave saudita «Bahri Yanbu» ha fatto il giro del mondo. Non deve sorprendere, perché il sistema dei media ha poche occasioni per toccare temi di economia politica, e ancor meno per raccontare come si possono ostacolare i...