Disegno di Alessandra Respini
Disegno di Alessandra Respini

QUEL CHE NON SAPREMO PIÙ SE MODIFICHERANNO LA LEGGE 185/90

Il governo Meloni si prepara a snaturare la Legge 185 del 1990, quella che impone il controllo delle attività di trasferimento degli armamenti concernenti l’Italia. La 185 prevede, tra l’altro, la pubblicazione di una Relazione annuale al Parlamento. Quella uscita pochi giorni fa potrebbe dunque essere l’ultima Relazione contenente tutti gli elementi che – ancorché pubblicati in una forma di proposito difficile da leggere – hanno sino a oggi permesso di dar conto all’opinione pubblica dei trasferimenti di armi che riguardano il nostro paese.

 

La trasparenza del commercio internazionale ha sempre incontrato l’aperta contrarietà dei fabbricanti/esportatori di armi, grandi e piccoli.

Preferirebbero condurre nella segretezza affari che condizionano pesantemente la politica estera di ogni paese, il sostegno alle guerre in corso e ai dittatori più impresentabili, la violazione dei trattati di regolazione e non proliferazione, la protezione umanitaria delle popolazioni civili coinvolte.

 

L’osservatorio The Weapon Watch ha utilizzato i dati della Relazione in numerose occasioni, a cominciare dal maggio 2019, quando proprio sulle pagine della Relazione si trovò conferma di ciò che i portuali genovesi avevano già scoperto, cioè che i generatori della ditta Teknel erano destinati alle forze armate saudite, e non erano affatto attrezzature civili come sostenuto dal caricatore.

 

Qui pubblichiamo “a puntate” una serie di spunti informativi tratti dalla Relazione 2024, presentata al Parlamento lo scorso 25 marzo.

1a puntata: CHI ESPORTA ARMI IN ISRAELE? IL CASO DELLA CALZONI SRL DI CALDERARA DI RENO

2a puntata: AGENZIA INDUSTRIE DIFESA, LA GESTIONE OPACA DI UN ENTE PUBBLICO SUI GENERIS

Abbiamo dedicato due puntate a un’azienda eccellente quanto opaca, la Curti-Costruzioni meccaniche Spa, sede a Castel Bolognese, fatturato nel 2022 di 90.37 milioni di euro (+ 50% in quattro anni), 264 dipendenti (+16% nello stesso periodo). Abbiamo scoperto cosa produce davvero e lo abbiamo confrontato con l’immagine che l’azienda vuol dare di sé. Ci ha aiutato, come sempre, la lettura della Relazione della legge 185, senza la quale Curti sembrerebbe una media azienda metalmeccanica come tante altre. Linda Maggiori è l’autrice degli articoli.

3a puntata: CURTI VA ALLA GUERRA…

4a puntata: CURTI SI È FATTA UN’IMMAGINE “CIVILE” (MA FA I PROGETTI MILITARI)

5a puntata: Made in Lecco: esportare macchine per fare armamenti

Senza le dettagliate informazioni sul materiale esportato contenute nella Relazione sulle operazioni autorizzate e svolte per il controllo dell’esportazione, importazione e transito dei materiali di armamento – questo è il titolo completo della relazione annuale al Parlamento secondo la Legge 185/1990 – non potremo più conoscere le reali conseguenze del commercio di armi italiane. Non sapremo quali e dove sono state inviate armi prodotte nel nostro paese, e dunque non potremo valutare se i nostri governi osservano o violano le regole preventive contenute nella legge e nel Trattato internazionale sul commercio delle armi firmato nel 2013. In effetti in passato abbiamo denunciato molti casi in cui i governi non hanno rispettato il comma b dell’art. 6 della legge, che recita: «L’esportazione, il transito, il trasferimento intracomunitario e l’intermediazione di materiali di armamento sono altresì vietati (…) verso Paesi la cui politica contrasti con i princìpi dell’articolo 11 della Costituzione».

6a puntata: ITALIA, CROCEVIA DEI TRAFFICI DA E PER ISRAELE

Secondo la Relazione al Parlamento, le dieci aziende che nel 2023 hanno importato materiale militare da Israele sono: Elettronica, Era Electronic Systems, Gelco, Leonardo, MBDA, Milexia, RWM Italia, Simecon, Simmel Difesa, Telespazio. L’importo complessivo è di 46,4 milioni di euro, molto di più (+76%) rispetto a quanto risulta esportato nello stesso anno. Le Agenzie delle Dogane riferiscono di aver registrato 61 operazioni di importazioni militari da Israele.

Due aziende erano anche nella lista degli esportatori: ovviamente Leonardo, che in Israele possiede una società che produce sistemi radar; e RWM Italia, la filiale italiana di una delle aziende del grande gruppo tedesco Rheinmetall, con sede a Ghedi (BS) e stabilimento a Domusnovas (SU), specializzata in munizioni pesanti per artiglieria e per aereo.

La RASSEGNA STAMPA è aggiornata al 28 maggio 2024. Vai ai nuovi contenuti pubblicati dai media

I post più recenti

Luigi Previati (primo da sinistra) durante la Perugia-Assisi, Foto di Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza. LA NOTIZIA DELLA SCOMPARSA DI LUIGI PREVIATI, insegnante, pacifista, ambientalista e militante democratico, ci ha profondamente addolorato. Lo ricordiamo qui con le parole...

Riceviamo e pubblichiamo un contributo di Alessandro Capuzzo (socio di The Weapon Watch e membro del Comitato pace e convivenza Danilo Dolci di Trieste) a commento dell'estromissione del dottor D'Agostino dall'Autorità Portuale triestina con provvedimento "burocratese" dell’Autorità anticorruzione Il 27 gennaio 2016...

Come tutte le ricorrenze ‘storiche’, anche il 2 Giugno Festa della Repubblica è occasione di riattivazione e attualizzazione della memoria collettiva. L’Associazione The Weapon Watch è nata col proposito di sostenere la protesta e la lotta dei lavoratori portuali contro il commercio di...

Le diverse branche dello stato saudita si sono mosse per far fronte alla propria emergenza, quella del crollo dei consumi petroliferi. Ryad ha dovuto rivedere più volte le previsioni del gettito fiscale del Regno, che dipende dal petrolio...

Ships, Guns and Human Rights Abuses La storia di questo report è strettamente legata alla figura di Sergio Finardi, uno dei maggiori ricercatori nello specifico settore di studi della "logistica per la difesa", fondatore della ong TransArms, in più occasioni inviato...