ECCELLENZE ITALIANE: I DRONI DI LEONARDO


Dal 2009 lo stabilimento Selex ES (oggi Leonardo) di Ronchi dei Legionari (GO) ha prodotto una cinquantina di “Falco”, drone di media altitudine e media autonomia. “Cliente di lancio” e maggiore utilizzatore è stata l’aviazione pakistana, che ha potuto così almeno in parte colmare il gap tecnologico conseguente al rifiuto degli Stati Uniti di vendere i propri sofisticati UAV a Islamabad.
Notizie non controllate riferiscono della caduta accidentale di un Falco nella valle dello Swat, nell’estate 2014.

Grazie a un recente incontro pubblico a Trieste [vedi qui sotto la notizia The Weapon Watch a Trieste del 20 luglio 2020], ci è capitato di leggere l’ottimo documento stampato nel gennaio 2020 da NO-FRONTIERE-FRIULI-VENEZIA-GIULIA. Ne riproduciamo solo una parte, quella dell’intervista a un migrante pakistano, e rimandiamo per il resto al documento completo, molto ricco di spunti e leggibile sul sito https://nofrontierefvg.noblogs.org/files/2020/01/Appunti-sul-nesso-tra-guerra-e-migrazioni-in-Friuli-Venezia-Giulia-leggere-online.pdf. Segnaliamo qui la nostra completa adesione al metodo adottato dagli amici triestini: partire dalle storie personali, verificare i collegamenti ad altre notizie pubblicate sulla stampa e in rete, approfondire la ricerca con i dati ufficiali a disposizione, rilanciare l’iniziativa per accogliere i migranti e respingere i commerci di armi illegali che attraversano il nostro paese. Il nesso tra la storia di un abitante della lontana valle dello Swat – la cosiddetta “area Pashtun” del Pakistan settentrionale – e la vicinissima fabbrica di Ronchi dei Legionari, a 20 km da Gorizia, appartenente al gruppo Leonardo, è iscritto nella storia della guerra “contro i terroristi” afghani, voluta nel 2001 dagli americani, mai vinta e mai finita; e nella geografia della “rotta balcanica”, ultimo segmento di un percorso che per un migrante può durare mesi o anni, attraverso l’Asia sudorientale, il Medioriente, l’Analtolia, la Grecia. La morale di questo racconto, la sua utilità generale sta nel rendere evidente come sia stato possibile “disumanizzare l’umano” qui e altrove, e quali risultati non previsti – o forse solo non dichiarati – possano conseguire le “tecnologie d’eccellenza” e il “lavoro italiano”. (c.t.)

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO


ultimi articoli / in primo piano

par Romain Mielcarek [Articolo pubblicato nel numero 09/2019 di Le Monde diplomatique] Fin mai 2019, les dockers de la Confédération générale du travail (CGT) du port de Marseille inspectaient les chargements destinés au Bahri Tabuk, un cargo saoudien suspecté de vouloir embarquer des...

An interview with Giacomo Marchetti [articolo pubblicato su Jacobin Magazine] Saudi Arabia’s war in Yemen relies on lucrative weapons deals with the West. But the arms shipments can’t happen if dockers refuse to load the ships — and in France and...