Se le navi non si fermano, le guerre non si fermano

 

Anche oggi una nave piena di armi è passata per il porto di Genova.

La nave «Bahri Abha» ha fatto scalo al molo GMT carica di bombe e armamenti pesanti fabbricati negli Stati Uniti e destinati alla Guardia nazionale saudita.

Nei garage vi sono molte file di blindati LAV 700, armored personal carrier 8×8. I sauditi ne hanno acquistati per 13 miliardi di $, garantendo lavoro per quattordici anni alla fabbrica canadese di London, Ontario, del gruppo General Dynamic. Sulla «Abha» sono riconoscibili sia versioni anti-tank che configurazioni FSV (fire support vehicle), mediamente il costo medio di ciascun LAV saudita è 9,3 milioni di $.

 

La RASSEGNA STAMPA è aggiornata al 22 luglio 2022. Vai ai nuovi contenuti pubblicati dai media

I post più recenti

Qualche tessera del mosaico guerrafondaio comincia a mancare, non solo per calcolo economico (in tempo di pace si fanno più affari, in tempo di guerra solo alcuni fanno affari giganteschi). Qua e là qualche voce si alza a ripetere che nessuna...

The NRA and its corporate partners; US shipments of small arms ammunition by sea ...

Notizia Ansa dell’11 aprile. In un’intervista al quotidiano economico «Handelsblatt» l’amministratore delegato del colosso militare-industriale tedesco Rheinmetall, Armin Papperger, ha affermato che il suo gruppo è pronto a spedire carri armati all’Ucraina attraverso la sua consociata italiana Rheinmetall Italia. Il...

La 'marcia della pace' che si è svolta sabato 2 aprile a Genova rappresenta un avvenimento importante, e in parte anche una novità politica. Mons. Marco Tasca e don Renato Sacco sul sagrato di San Lorenzo, alla marcia della pace del...

La guerra di propaganda in corso sta portando alla superficie piccole tessere del mosaico che rivelano la preparazione logistica del conflitto in Ucraina. Dopo il bombardamento russo del 13 marzo scorso, abbiamo saputo che su territorio ucraino, a 20 km dal...