aspettando l’ennesimo “cargo armato”

Attivisti contro la guerra manifestano di fronte alla Prefettura di Genova.

Ancora la «Bahri Janbu», ancora a Genova, ancora carica di armi ed esplosivi. La aspettiamo a breve, uno due giorni… The Weapon Watch pensa che sia arrivato il momento di porre formalmente alcune domande alle autorità (Prefettura, Autorità portuale, Capitaneria), a cui ha inviato una richiesta ufficiale di verifica delle condizioni di sicurezza e di accesso agli atti.

[continua a leggere]


ultimi articoli / in primo piano

Come dovrebbe essere noto a tutti i cittadini – compresi quelli direttamente interessati, lavoratori, imprenditori, autorità di polizia e doganali, operatori esteri ecc. – un articolo del Trattato sul commercio delle armi vieta ai paesi firmatari di autorizzare un trasferimento...

Carlo Tombola – Fonte: © Ricerche Coordinamento scientifico OPAL 29 ottobre 2019 Le vendite alla Turchia di armi italiane Negli ultimi mesi la Turchia ha intensificato gli acquisti di armamenti, in modo così consistente da far supporre che i vertici...

Il caso della nave saudita «Bahri Yanbu» ha fatto il giro del mondo. Non deve sorprendere, perché il sistema dei media ha poche occasioni per toccare temi di economia politica, e ancor meno per raccontare come si possono ostacolare i...

par Romain Mielcarek [Articolo pubblicato nel numero 09/2019 di Le Monde diplomatique] Fin mai 2019, les dockers de la Confédération générale du travail (CGT) du port de Marseille inspectaient les chargements destinés au Bahri Tabuk, un cargo saoudien suspecté de vouloir embarquer des...

An interview with Giacomo Marchetti [articolo pubblicato su Jacobin Magazine] Saudi Arabia’s war in Yemen relies on lucrative weapons deals with the West. But the arms shipments can’t happen if dockers refuse to load the ships — and in France and...